Joan Rivers aveva 65.000 barzellette nel suo catalogo di carte


In una dichiarazione, il direttore esecutivo del National Comedy Center, Journey Gunderson, ha dichiarato: “Joan Rivers è stata una maestra dell’evoluzione che è salita – ancora e ancora – alle vette del successo in un settore che non era strutturato a suo favore, aprendo un sentiero ampio e chiaro per le generazioni di artisti che sarebbero seguite. Non è solo un modello per le donne della commedia, ma per tutti gli artisti che desiderano esercitare il potere espressivo della commedia per comunicare qualcosa di vitale sulla condizione umana”.

L’NCC intende realizzare una mostra audiovisiva interattiva per consentire ai visitatori del museo di esplorare il formidabile schedario di Rivers attraverso clip e morsi audio che danno vita alle carte. I visitatori saranno trattati con estratti da categorie di archiviazione come “I GENITORI MI HANNO ODIATO (vedi: NON WANTED)”, che contiene 564 barzellette, “STEWARDESSES” con ben 300 voci e la capsula del tempo che è “28 AND SINGLE (vedi: MATRIMONI), “sotto il quale una carta recita:” Sono stato lasciato in piedi all’altare così a lungo che il mio bouquet ha messo radici!

Altre leggende della commedia hanno espresso la loro approvazione per l’acquisizione, con Carol Burnett dicendo dei piani dell’NCC, “Joan è stata una delle persone più divertenti che abbia mai incontrato e un’amica da decenni. È meraviglioso sapere che i suoi archivi entreranno a far parte del National Comedy Center, un museo unico nel suo genere ideato nientemeno che da Lucille Ball: una donna che io e Joan amavamo e ammiravamo moltissimo”.

Per quanto emozionante sarà visitare la mostra Rivers una volta aperta, sarà una transizione imbarazzante camminare attraverso il Johnny Carson Esperienza per arrivarci.

Iscriviti alla newsletter Cracking

Ricevi il meglio di Cracked direttamente nella tua casella di posta!



Articolo originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *