28 reazioni meme più divertenti a Meta che lancia i suoi “thread” di imbroglio su Twitter


Benvenuti all’alba di una nuova era nei social media, poiché Meta ha presentato ufficialmente la sua ultima applicazione testuale: Discussioni. L’app, progettata come un audace concorrente di Cinguettioha sicuramente fatto scalpore su Internet, innescando persino una causa legale da parte di Elon Muskche ha recentemente acquisito Twitter.

Le caratteristiche di Thread rispecchiano abbastanza da vicino quelle di Twitter. Dalla scrittura di post di dimensioni ridotte alla condivisione di foto e video, la somiglianza è lampante. L’app ti consente persino di “ripubblicare” i thread, una funzionalità simile al “retweet” di Twitter. Queste inquietanti somiglianze hanno portato molti a definire Threads nient’altro che una copia carbone di Twitter, mentre altri lo vedono come una boccata d’aria fresca, data la recente insoddisfazione per i continui e apparentemente privi di senso dei cambiamenti della piattaforma di Twitter.

Il lancio di Threads ha acceso un rinnovato dibattito in mezzo alla ribollente rivalità tra Zuckerberg e Musk. È ora di abbandonare Twitter? Dovremmo migrare a Threads? O semplicemente ci sintonizziamo da entrambi e andiamo in letargo sotto una roccia digitale? La giuria è ancora fuori.

È interessante notare che il passaggio a Threads non è stato del tutto privo di attriti. Alcuni utenti hanno espresso disagio per l’obbligo di collegare il proprio account Threads al proprio Instagram. Altri sono preoccupati per l’app potenziali politiche di censura. Tuttavia, le masse non hanno esitato ad affluire su Threads ed esplorarne le funzionalità, alimentando una crescente discussione sui pro e contro dell’app.

Mentre Internet si trova diviso, è chiaro che Threads è emerso in un incrocio cruciale, quando molti utenti si stanno stancando dell’instabilità su Twitter. Mentre ho solo sfiorato la superficie di Threads, è chiaro che i meme su Twitter o Threads o qualsiasi servizio di social media vivranno per sempre.

1.

2.

3.

4.

5.

6.

7.

8.

9.

10.



Articolo originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *